Care sheet: Il Chamaeleo jacksonii

Testo: Dino Schiff, Italian Chameleon Network
Ultima revisione: 02/1999
 

Nome comune: Camaleonte di Jackson (ing.: Jackson's chameleon)

Diffusione: Zone montagnose del Kenya e Tanzania

Dimensioni: 25-30 cm il maschio, la femmina, più tozza 20-25 cm.

Colore e dimorfismo sessuale: La caratteristica peculiare di questo C. è la presenza nel maschio di 3 lunghi corni che raramente possono anche essere presenti sul muso della femmina. Un elemento che permette di riconoscere il jacksonii da altri C. dotati di 3 corna è la caratteristica schiena profondamente dentellata anche nella femmina. La femmina ricettiva è verde chiaro, se non ricettiva, quando molestata dal maschio si scurisce mostrando una fila di triangoli chiari sui fianchi. Il maschio è essenzialmente verde brillante con sfumature turchesi sotto la gola. Gli occhi e la bocca hanno varie tonalità di verde-giallo.

Terrario: Dimensioni minime 50x40x80h. Deve essere alloggiato singolarmente. La temperatura deve essere mantenuta a circa 25/30 °C sotto uno spot da 40 watt massimo, protetto da una rete. L'aerazione è fondamentale, è bene avere una parete frontale preferibilmente di rete fine. E' infine assolutamente obbligatorio mettere dentro il terrario anche un neon tipo Sylvania Reptistar o Zoomed 5.0 per la produzione di UV-B. Dei rami secchi insieme ad una bella pianta di Ficus benjamina ed una pianta di Pothos completano l'arredamento. Come substrato per il terrario è possibile utilizzare la semplice carta da giornale che difficilmente viene ingerita dal camaleonte.

Temperatura e umidità: Bassa temperatura ed alta umidità (70/80%) sono le condizioni essenziali per far risaltare al massimo i brillanti colori (verde brillante-turchese) di questo stupendo camaleonte. La temperatura dentro il terrario deve essere a circa 20 °C nella parte inferiore e circa 25/26 °C max. nella parte superiore per permettergli la termoregolazione. Di notte può scendere anche a 10 °C. L'umidità non deve essere mai (!) inferiore al 60% se non per brevi periodi altrimenti si possono avere serie difficoltà nella muta e malattie respiratorie. Spruzzando almeno 2/3 volte al giorno le foglie si mantiene un buon livello di umidità e gli si permette di bere le goccioline di acqua. Attenzione! Con temperature sopra i 28 °C il jacksonii è in grave pericolo rischiando lo shock termico se tale condizione viene protratta nel tempo.

Alimentazione: Gli individui giovani vanno alimentati con grilli di un paio di settimane, camole e tarme della farina, mosche e drosofile. Gli individui adulti, invece, possono essere alimentati con grilli adulti, camole della farina e del miele, caimani ed altri insetti. E' fondamentale anche integrare la dieta con un complesso vitaminico non contenente vitamina A, bensì Beta-carotene. Ai giovani ed alle femmine gravide bisogna fornire un adeguato apporto di calcio e vitamina D3.

Riproduzione: La riproduzione in cattività è abbastanza difficoltosa. La maturità sessuale viene raggiunta intorno a 6/12 mesi di vita. La femmina va lasciata con il maschio solo per il tempo necessario per un paio di accoppiamenti. Non depone uova, ma "partorisce" un paio di volte l'anno piccoli già nati ed autosufficienti, in numero variabile da 10 a 40. Questi devono essere posti in un terrario con un elevato livello di umidità per non correre il rischio di morire disidratati. Dopo l'accoppiamento il periodo di gestazione può durare da 6 a 10 mesi secondo la temperatura.

Malattie: I camaleonti sono facilmente soggetti a parassiti, malattie respiratorie e della bocca. Un controllo veterinario dell'animale e delle feci è sempre obbligatorio specialmente per i soggetti di cattura.



Bibliografia in italiano

Dino Schiff, Vademecum del Camaleonte, 1998.

Andrea Venturini e Dino Schiff, Chameleon Disk (CD-ROM) e Italian Chameleon Network (sito Internet dedicato ai camaleonti http://www.blably.com/icn), 1998-1999.
 
 

Il presente documento può essere distribuito e pubblicato gratuitamente, da privati e associazioni senza scopo di lucro, purché vengano citati i relativi autori.
 

Altri articoli
Home page
 

Copyright © 1998-1999 Blably.com. All rights reserved.