Care sheet: Il Chamaeleo oustaleti

Testo: Dino Schiff, Italian Chameleon Network
Ultima revisione: 02/1999

Nome comune: Camaleonte gigante o di Oustalet (ing.: Madagascar giant o Oustalet’s chameleon)

Diffusione: Altopiani e zone semiaride del Madagascar

Dimensioni: 60-80 cm il maschio, 40-55 cm la femmina.

Colore e dimorfismo sessuale: Il colore è normalmente marroncino chiaro con sfumature e striature variabili dal verde al nocciola chiaro al marrone scuro quasi nero. La femmina è più piccola e quando gravida ha striature che variano dal rosso mattone al rosso più intenso.

Terrario: Dimensioni minime 60x40x120h. Deve essere alloggiato singolarmente. La temperatura deve essere mantenuta a circa 30/35 °C sotto uno spot da 40/60 watt massimo, protetto da una rete. L'aerazione è fondamentale, è bene avere una parete frontale preferibilmente di rete fine. E' infine assolutamente obbligatorio mettere dentro il terrario anche un neon tipo Sylvania Reptistar o Zoomed 5.0 per la produzione di UV-B. Dei rami secchi insieme ad una bella pianta di Ficus benjamina ed una pianta di Pothos completano l'arredamento. Come substrato per il terrario è possibile utilizzare la semplice carta da giornale che difficilmente viene ingerita dal camaleonte.

Temperatura e umidità: La temperatura dentro il terrario deve essere a circa 20/25 °C nella parte inferiore e circa 25/30 °C max. nella parte superiore per permettergli la termoregolazione. Di notte può scendere anche a 15 °C. L'umidità non deve essere mai inferiore al 50 % se non per brevi periodi altrimenti si possono avere serie difficoltà nella muta. Spruzzando un paio di volte al giorno le foglie si mantiene un buon livello di umidità e gli si permette di bere le goccioline di acqua.

Alimentazione: Gli individui giovani vanno alimentati con grilli di un paio di settimane, camole e tarme della farina, mosche e drosofile. Gli individui adulti, invece, possono essere alimentati con grilli adulti, camole della farina e del miele, caimani ed altri insetti. Talvolta possono anche mangiare piccoli vertebrati: uccellini, topolini e lucertole. E' fondamentale anche integrare la dieta con un complesso vitaminico non contenente vitamina A, bensì Beta-carotene. Ai giovani ed alle femmine gravide bisogna fornire un adeguato apporto di calcio e vitamina D3.

Riproduzione: La riproduzione in cattività è abbastanza difficoltosa. La maturità sessuale viene raggiunta intorno a 7/12 mesi di vita. La femmina va lasciata con il maschio solo per il tempo necessario per un paio di accoppiamenti. Depone da 30 a 60 uova una o 2 volte all'anno. Gli esemplari originari delle zone più fresche degli altipiani del Madagascar hanno bisogno di temperature relativamente basse per l'incubazione che può essere portata a compimento in circa 9 mesi a 23 °C. Per gli altri, con una temperatura di 27°C, la schiusa può avvenire in circa 7 mesi. Le uova vanno incubate in vermiculite umida o torba di sfagno umida.

Malattie: I camaleonti sono facilmente soggetti a parassiti, malattie respiratorie e della bocca. Un controllo veterinario dell'animale e delle feci è sempre obbligatorio specialmente per i soggetti di cattura.
 
 

Bibliografia in italiano

Dino Schiff, Vademecum del Camaleonte, 1998.

Andrea Venturini e Dino Schiff, Chameleon Disk (CD-ROM) e Italian Chameleon Network (sito Internet dedicato ai camaleonti http://www.blably.com/icn), 1998-1999.
 
 

Il presente documento può essere distribuito e pubblicato gratuitamente, da privati e associazioni senza scopo di lucro, purché vengano citati i relativi autori.
 

Altri articoli
Home page
 

Copyright © 1998-1999 Blably.com. All rights reserved.