Lampade Reptistar: vitamime per il vostro rettile

illuminazione

Un altro elemento di primaria importanza per la salute del C. è l’illuminazione corretta.
Mettete all’interno del terrario un comune faretto ad incandescenza (massimo 60W) sotto al quale il C. potrà crogiolarsi durante il giorno. In nessun modo l’animale dovrà entrare in contatto con la lampada per evitare pericolose ustioni, a questo scopo potrà servire della rete per coprire il faretto e il relativo portalampada. 
Una temperatura tra 25 e 28°C, con un differenza di circa 5°C tra la zona più calda e la zona più fresca del terrario, è indispensabile per dare all’animale la possibilità di regolare la temperatura corporea. Durante la notte la temperatura del terrario non dovrebbe mai scendere sotto i 18°C, in caso contrario può essere necessario l’utilizzo di un cavetto o un tappetino riscaldante sul fondo del terrario.
Esclusivamente la luce non filtrata del sole e quella di pochi tipi di lampade speciali per rettili evitano, accompagnati da una corretta alimentazione, l’insorgere di gravi decalcificazioni allo scheletro dell’animale.
E’ quindi indispensabile installare anche una lampada del tipo a tubo fluorescente, speciale per rettili, come la Sylvania Reptistar™ oppure la Zoomed ReptiSun™ 5.0 che per ora sono le uniche sul mercato veramente capaci di emettere una quantità sufficiente di raggi UV-B per evitare problemi al metabolismo delle ossa (40.000-80.000 lire).
Non interponete vetri o plastiche tra la lampada e l’animale dato che filtrerebbe la quasi totalità dei raggi UV emessi.
Durante il periodo estivo, se il tempo lo permette, il C. dovrebbe essere esposto alla luce diretta del sole. Occorre assicurarsi che l’animale abbia la possibilità di spostarsi in una zona ombreggiata se dovesse essere troppo caldo onde evitare pericolosi colpi di calore.

Home page

Copyright © 1998-1999, Blably.com. All rights reserved.