salute

In Italia sono ancora pochi i veterinari specializzati in rettili a cui rivolgersi nel caso il C. abbia problemi di salute. E’ molto importante non sottovalutare piccoli sintomi che potrebbero trasformarsi in problemi difficili da curare se trascurati. Solo con un’attenta osservazione del vostro C. potrete essere precisi nel descrivere i problemi, fornendo al veterinario un quadro preciso sulla situazione. Rivolgetevi esclusivamente a veterinari con esperienze sui rettili.
 

Stress

Tutti i C. in cattività soffrono di stress. Lo stress può essere letale in quanto, se molto elevato, abbassa le difese immunitarie e rende il C. facilmente attaccabile da malattie, parassiti o anoressia. 
Per questo è necessario fare di tutto per evitare inutili stress mettendo il C. da solo in un terrario posizionato in una zona poco trafficata della casa e maneggiandolo solo se necessario. 
 

Parassiti 

La presenza di parassiti interni, quali nematodi, ossiuri, filarie ecc., è molto frequente nei C. in special modo negli esemplari di cattura e, se associata allo stress della cattività, può trasformarsi in una delle cause primarie di morte. Un farmaco utilizzato con successo contro i nematodi, ossiuri e filarie è il Panacur® (Fenbendazolo) con un dosaggio di 75 mg/kg per via orale, da ripetersi dopo due settimane. 
L'Invermectin®, utilizzato nei rettili da alcuni veterinari, è molto tossico e può essere mortale per alcune specie come per il C. pardalis.  
In ogni caso, qualunque trattamento è rischioso su animali fortemente infestati ma senza alternative. 
Un iniziale e poi periodico controllo delle feci è molto importante e, nel caso si riscontri la presenza di parassiti, è necessario interpellare un veterinario specializzato. Controllate anche esternamente il vostro C. dato che alcune specie di parassiti interni sono spesso visibili attraverso la pelle. 
 

Anoressia 

Un’altra comune causa di morte nei C. è l’anoressia. Il rifiuto del cibo è solitamente dovuto ad altri problemi: lo stress, i parassiti interni, le malattie, una dieta scarsa di minerali e vitamine o la scarsa varietà di insetti, portano il C. a smettere di mangiare completamente e di conseguenza a una tragica morte. 
 

Disidratazione 

Quasi tutti i C. in commercio sono fortemente disidratati dato che, prima di arrivare a destinazione, percorrono lunghi viaggi senza bere. Dategli da bere abbondantemente e vaporizzate frequentemente le foglie, le pareti del terrario e anche direttamente il C.. Nei casi più gravi può essere necessario l’intervento del veterinario con iniezioni idratanti. 
 

Edema 

Nei C. l’edema si manifesta più frequentemente nella zona della gola con un accumulo di liquidi. In genere è provocato da un eccesso di vitamina A nella dieta causato da un integratore di vitamine non adatto ai C. (vedere il capitolo sull’alimentazione). 
 

Problemi alle ossa 

Per un corretto sviluppo delle ossa è necessaria l’esposizione al sole durante l'estate e l’utilizzo di speciali lampade ad ampio spettro durante il resto dell'anno (vedere il capitolo sull’illuminazione). I raggi UV assorbiti dalla pelle permettono al C. di metabolizzare la vitamina D3 indispensabile per fissare il calcio alle ossa e per evitare quindi irreparabili problemi di decalcificazione ed osteoporosi dello scheletro. Se un animale colpito da tali problemi non viene sottoposto, sotto controllo veterinario, ad un trattamento intensivo con calcio, vitamina D3 e raggi UV-B, è condannato a morire per l'incapacità di muoversi e mangiare a causa dello scheletro molle. 
 

Malattie respiratorie 

Di solito, le malattie respiratorie, si manifestano con difficoltà respiratorie (bocca aperta) e con un eventuale eccesso di muco all’interno della bocca. Per evitare queste infezioni, prestate molta attenzione alle correnti d’aria ed agli sbalzi di temperatura. Se il C. si ammala consultate subito un veterinario per un trattamento, alzate la temperatura di qualche grado e utilizzate un integratore vitaminico ad ogni pasto. 
 

Infezioni della bocca

La presenza di muco biancastro sulla giuntura della mandibola o di una colorazione anomala sulle gengive o sulla lingua, sono tutti sintomi di infezioni e stomatiti alla bocca da non sottovalutare. In ogni caso è indispensabile ricorrere ad un veterinario specializzato. 
 

Escoriazioni e scottature

In caso di escoriazioni della pelle o scottature provocate da lampade non adeguatamente schermate, si applica quotidianamente del Betadine® in pomata sulla zona colpita fino alla completa guarigione. Se le escoriazioni o le ustioni sono particolarmente estese bisogna ricorrere al veterinario. 
 

Distocia

La distocia è l’incapacità della femmina di deporre tutte o parte delle uova. Tra le cause più frequenti ci sono: la disidratazione, le carenze alimentari, la presenza di parassiti che indeboliscono l’animale e lo stress causato da un inadeguato luogo per la deposizione. L’intervento del veterinario è indispensabile per evitare la morte della femmina. Per prevenire questo problema, durante il periodo della gestazione, è importante dare da bere spesso al C. e utilizzare  calcio e vitamine nella dieta. 

Foto della gallery che riguardano la distocia

Home page

Copyright © 1998-1999, Blably.com. All rights reserved.